Loading

Kido Emiliani

Romagnolo (1941 – 2017), nasce a Faenza, dove, dopo la maturità, si diploma “maestro d’arte” frequentando privatamente la scuola di ceramica G.Ballardini e la Scuola Comunale di Disegno T.Minardi diretta dal noto scultore ceramista Domenico Matteucci, dove apprende la tecnica del batik da studenti dello Sri Lanka.

Kido fa sua questa tecnica personalizzandola in particolare con sovrapposizione di ulteriori decorazioni sul tessuto (seta, cotone, fibre naturali) già lavato dalla cera.

Nel 1966 si trasferisce a Milano dove, incoraggiato dal pittore Lucio Fontana che conosce a Brera, assieme ad altri personaggi come Enrico Baj, Alberto Arbasino, Dino Buzzati, realizza una mostra importante e di successo al Circolo della Stampa (1968). Apre, nella zona di Porta Nuova, uno Studio e si occupa di moda collaborando, tra gli altri, con Valentino, Ferrè, Krizia, Balestra.

Lasciato definitivamente l’ambiente della moda, a fine anni settanta, ritorna in Romagna, e si stabilisce ad Imola dove apre uno studio-laboratorio e collabora con architetti ed arredatori dedicandosi alla ricerca pittorica e decorativa del “tessuto”, uno degli aspetti artistici che più lo coinvolgono. Attività questa che lo impegna totalmente così che, per lungo tempo, non allestisce alcuna mostra personale. Sperimenta sovrapposizioni di varie tecniche miste e batik nella realizzazione di pannelli decorativi, arazzi e complementi d’arredo. Ripropone l’esecuzione di trompe-l’oeil, della stampa a mano sulle tela, creando disegni decorativi diversi da quelli originali romagnoli, ritorna anche alla produzione di ceramica.

Nella sua esperienza artistica Kido si dedica particolarmente alla figura femminile creando un personaggio pittorico che propone con ironia e senso del divertimento: le “Concubine”. Disegni di figure femminili, eseguiti con tecnica mista: “donne gaudenti, maliziose, irridenti…” così le descrive. Successivamente, realizzate con diverse tecniche e versioni, diventano le sue “Bambolone “, protagoniste di molti lavori e innumerevoli mostre. Esprimendosi sempre più spesso nell’ambito della figurazione ci lascia, con le varie rappresentazioni della “Madonna con bambino” uno dei suoi lavori più raffinati.

Il teatro è un ambito fondamentale -nonché amatissimo- dell’attività di Kido. Inizia da studente, con l’amico Mario Zoli con il quale lavora per anni con la Compagnia “Alterego” e successivamente con l’Associazione delle Feste con la quale partecipa per oltre 15 anni alle Feste Medioevali di Brisighella mettendo in scena molti spettacoli firmati Carlo Lucarelli. Il rapporto di amicizia di lunga data, tra Kido e Carlo, ha consentito loro di dedicarsi al teatro, insieme, per anni. Gestisce il Teatro Comunale di Mordano prima con la Compagnia delle Feste, poi con la Compagnia Teatro Stabile di Mordano.

 

Tra le principali mostre si segnalano:

1968 Milano. Circolo della Stampa: Batik

1975 Sperlonga, mostra su strada: Batik

1977 Faenza, Loggetta del Trentanove – Studio Muky – Matteucci: Spettacolo di “Storie in batik animate da un Mimo”

1987 Ferrara: Tarocchi (collettiva di interesse internazionale)

1995 Compiano: Batik

2006 Faenza, Fontanonearte: Disegno (Concubine)

2009 Faenza, Loggetta del Trentanove: Batik (Madonne, Bambolone)

2010 Castel San Pietro Terme, Studio d’architettura Bartolini: Batik e “Le 4 stagioni” (disegni a tecnica mista arricchiti da altrettanti mini racconti di Carlo Lucarelli

2012 Faenza, Loggetta del Trentanove: Batik

2014 Cervia, Magazzini del sale: Batik

2014 partecipazione alla Biennale d’Arte Contemporanea di Latina – 1° premio